Claudio Lolli - Quando la morte avrà (testo)


“Quando la morte avrà
addolcito un po’ il tuo viso
che tante volte già
mi aveva intimorito
e tu mi chiederai un ultimo sorriso
un gesto di pietà
che avrai non meritato.

Claudio Lolli - Quanto amore (testo)


“Quanto amore, quanto amore che ho cercato
quante ore, quante ore che ho passato
accanto a un termosifone
per avere un poco di calore
quanto amore, quanto amore che ho cercato
quanti oggetti, quanti oggetti che ho rubato
mentre nessuno vedeva
mentre nessuno mi guardava.

Claudio Lolli - Quello che mi resta (testo)


“Quello che mi resta dei tuoi giorni
sono queste note tristi
che si inseguono nell’aria
e disegnano il tuo viso
Quello che mi resta dei tuoi giorni
è quell’ultimo sorriso
regalato un momento
prima di andare via
quello che mi resta dei tuoi giorni
è solo la malinconia

Claudio Lolli - Angoscia metropolitana (testo)


“Dentro a un cielo nato grigio
si infilzano le gru
ricoperte dalle case
le colline non si vedon più
sulle antenne conficcate
nella crosta della terra
corron nuvole frustate
come va un esercito alla guerra
e la voce che mi esce
si disperde tra le case
sempre più lontana, se non la conosci
è l’angoscia metropolitana.

Claudio Lolli - Quelli come noi (testo)


“Io e un mio amico
delle volte ci troviamo
e ci diciamo che quelli come noi
che son venuti su un po’ strani
e hanno avuto sempre
poche donne per le mani
e covano le loro solitudini
in segreto quasi con gelosia
lasciandosi un po’ andare
solo davanti al vino forte di un bicchiere.

Bad Behavior has blocked 1913 access attempts in the last 7 days.

Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Ok