Bob Dylan - I want you (testo e traduzione)

“The guilty undertaker sighs
the lonesome orangegrinder cries
the silver saxophone says
I should refuse you
the cracked bells and washed out horns
blow into my face with scorn
but it’s not that way
I wasn’t born to lose you

I want you I want you
I want you so bad
honey I want you

The drunken politician leaps
upon the streets where mothers weep
and the saviors who are fast asleep
they wait for you
and I wait for them to interrupt
me drinking from my broken cup
and ask me to open up
the gate for you

Now all my fathers
they’ve gone down
true love
they’ve been without it
but all their daughters
put me down
cause I don’t
think about it

Well I return to the queen of spades
and talk with my chamber maid
she knows that I’m not afraid to
look at her
she is good to me and there’s
nothing she doesn’t see
she knows where I’d like to be
but it doesn’t matter

Now your dancing child with the chinese suit
he spoke to me I took his flute
no I wasn’t very cute to him
was I
but I did it because he lied
because he took you for a ride
and because time was on his side
and because I

Want you I want you
I want you so bad
honey I want you”.

—————————————————-

Traduzione.

“Il becchino colpevole sospira
lo spremiaranci solitario grida
il sassofono d’argento ripete
che io dovrei rifiutarti
le campane incrinate i corni sbiaditi
mi soffiano in faccia con disprezzo
ma non sarà così
non sono nato per perderti

Ti voglio ti voglio
ti voglio così tanto
amore ti voglio

Il politicante ubriaco salta
sulla strada dove le madri piangono
e i salvatori in un sonno profondo
tutti aspettano te
e io aspetto che facciano cessare
il mio bere da questa tazza incrinata
e mi dicano di spalancare
i cancelli per te

Ora tutti i miei padri
sono finiti sotto terra
il vero amore
non l’hanno mai conosciuto
ma tutte le loro figlie
mi hanno disprezzato
perché io non ci penso

Allora ritorno dalla regina di picche
e parlo con la mia fantesca
lei sa che non ho paura di guardarla
è buona con me e non c’è
niente che non veda
sa dove io vorrei essere
ma non importa

Ora il tuo fanciullo ballerino
con il suo vestito cinese
mi ha parlato, io gli ho preso il flauto
no, non sono stato molto cortese con lui
ma l’ho fatto perché ha mentito
perché ti ha portato a fare un giro
e perché il tempo era dalla sua parte
e perché io

Ti voglio ti voglio
ti voglio così tanto
amore ti voglio”.

—————————————————-

Bob Dylan, I want you - 3:07
(Bob Dylan)
Album: Blonde on blonde (1966)
Singolo: “I want you / Just like Tom Thumb’s blues [live]” (1966)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Bob Dylan.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

—————————————————-

Cover.

1. Nomadi - Ti voglio (1967, versione in italiano)

—————————————————-

Citazioni.

I Want You è un brano musicale scritto ed interpretato da Bob Dylan, pubblicato come singolo nel giugno 1966 e contenuto nel suo settimo album Blonde on Blonde. Il singolo, che contiene sul lato B una versione dal vivo di Just Like Tom Thumb’s Blues, raggiunse la posizione numero 20 della classifica di Billboard negli Stati Uniti e la posizione numero 16 in classifica in Gran Bretagna.
Si tratta di una delle canzoni più orecchiabili e pop del repertorio del Dylan elettrico di quegli anni. L’accattivante melodia si abbina però ad uno dei testi più criptici dell’autore, pieno di riferimenti surreali in equilibrio fra la schiettezza dell’affermazione implicita contenuta nel titolo della canzone e le immagini fuorvianti create dalle allusioni suggerite da Dylan. È stato spesso affermato che la canzone riguardasse Anita Pallenberg, all’epoca fidanzata di Brian Jones, a causa della strofa «Now your dancing child with his chinese suit/ He spoke to me, I took his flute./ No, I wasn’t very cute to him» (it: “Adesso il tuo fanciullo ballerino con il suo vestito cinese / Mi ha parlato, io gli ho preso il flauto./ No, non sono stato molto cortese con lui”). Brian Jones era amico di Dylan e spesso i due uscivano insieme la sera quando Dylan era a Londra. Il loro rapporto era principalmente amichevole ma non privo di tensione. All’epoca Jones spesso indossava una eccentrica vestitola di foggia orientale. Un’altra strofa della canzone recita: «time was on his side» (it: “il tempo era dalla sua parte”), forse riferendosi a un brano dei Rolling Stones del 1964, intitolato appunto Time is On My Side.
Altre interpretazioni del testo da parte di critici e musicologi, fanno riferimento all’eroina come oggetto dei ripetuti «I Want You» (it: “Ti voglio”) che Dylan canta nel testo, anche se è più plausibile che la materia del brano tratti semplicemente dell’espressione sincera del suo desiderio per Sara Lowndes con la quale si era da poco sposato. Una versione live del brano in questione è successivamente apparsa sull’album Dylan & the Dead, disco collaborazione tra Dylan e i Grateful Dead pubblicato nel 1989.
Secondo Al Kooper il brano fu l’ultimo ad essere inciso per l’album. Dylan non era convinto dell’arrangiamento della canzone e quindi rimandò fino all’ultima seduta di registrazione per Blonde on Blonde tenutasi a Nashville negli studi della CBS. A fornire il piacevole motivo chitarristico del brano fu il sessionman di Nashville Wayne Moss“.

(Wikipedia, voce I Want You (Bob Dylan))

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Marie Jolie (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

—————————————————-

  • Share/Bookmark

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 799 access attempts in the last 7 days.

Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Ok