Chingon - Malagueña salerosa (testo e traduzione)

“Que bonitos ojos tienes
debajo de esas dos cejas
debajo de esas dos cejas
que bonitos ojos tienes.

Ellos me quieren mirar
pero si tu no los dejas
pero si tu no los dejas
ni siquiera parpadear.

Malagueña salerosa
besar tus labios quisiera
besar tus labios quisiera
malagueña salerosa
y decirte niña hermosa.

Que eres linda y hechicera
que eres linda y hechicera
como el candor de una rosa.

Si por pobre me desprecias
yo te concedo razón
yo te concedo razón
si por pobre me desprecias.

Yo no te ofrezco riquezas
te ofrezco mi corazón
te ofrezco mi corazón
a cambio de mi pobreza.

Malagueña salerosa
besar tus labios quisiera
besar tus labios quisiera.
malagueña salerosa
Y decirte niña hermosa.

Que eres linda y hechicera,
que eres linda y hechicera
como el candor de una rosa
y decirte niña hermosa”.

——————————————-

Traduzione.

“Che begli occhi che hai
sotto quelle due sopracciglia
sotto quelle due sopracciglia
che begli occhi che hai

Vogliono guardarmi
ma se tu non li lasci
ma se tu non li lasci
nemmeno sbattere

Briosa abitante di Málaga
vorrei baciarti le labbra
vorrei baciarti le labbra
briosa abitante di Málaga
e dirti bella bambina

Che sei carina e ammaliante
che sei carina e ammaliante
come il candore di una rosa

Se mi disprezzi per la mia povertà
ti do ragione
ti do ragione
se mi disprezzi per la mia povertà

Non ti offro ricchezze
ti offro il mio cuore
ti offro il mio cuore
in cambio della mia povertà

Briosa abitante di Málaga
vorrei baciarti le labbra
vorrei baciarti le labbra
briosa abitante di Málaga
e dirti bella bambina

Che sei carina e ammaliante
che sei carina e ammaliante
come il candore di una rosa
e dirti bella bambina”.

——————————————-

Chingon, Malagueña Salerosa - 4:06
Album: Mexican Spaghetti Western (2004)

Il brano è stato inserito nella colonna sonora di Kill Bill Vol. 2 (2003) diretto da Quentin Tarantino, con Uma Thurman, David Carradine e Daryl Hannah.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

E’ disponibile una nuova versione di questo brano sul sito InfinitiTesti.com.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Marie Jolie (quality@infinititesti.com)

—————————————————-

  • Share/Bookmark

9 Commenti a “Chingon - Malagueña salerosa (testo e traduzione)”

  1. Bella canzone e bel testo, soprattutto dove dice “si por pobre me desprecia”….fino a: “Te ofrezco mi corazon a cambio de mi pobreza”

  2. Letteralmente bella, aggressiva e calda quale opera d’arte che graffia nell’animo… Augh!

  3. achille e paolo hanno ragione: ascolto questa musica da più di trent’anni e ogni volta mi sento graffiare nell’animo. Ciao amici

  4. mi piace da sempre

  5. felixitaxiones

  6. una delle canzoni che non puoi dimenticare !

  7. è una canzone che volevo imparare da una vita……è arrivato il momento di farlo…..molto bella.

  8. Ho riascoltato la canzone per merito di un amico che
    mi ha dato un cd con l’interpretazione di NANA MOUSKOURI. Una emozione indescrivibile. Credo che sia una delle più belle canzoni di sempre e poi mi ricorda mio padre Alessandro a cui piaceva moltissimo. Doppia emozione.

  9. Anche decontestualizzata dalla colonna sonora di Kill Bill vol.2, che nella versione dei Chingon ha riproposto all’attenzione del grande pubblico un pezzo di repertorio Mariachi, credo sia una di quelle canzoni che difficilmente e aldilà dei propri riferimenti culturali e personali, possa lasciare l’ascoltatore indifferente.
    La versione di Claudio Villa, al contrario, é la dimostrazione di come una “grande voce” non basti a trasmettere pathos.
    Assettica. Agghiacciante, un roboante inno all’autocompiacimento, ed é lo stesso pezzo che modulato dal gruppo di Rodriguez ascolto tutti i giorni.

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 9252 access attempts in the last 7 days.