Lucio Battisti - La canzone della terra (testo)

“Al ritorno dalla campagna
al ritorno dalla campagna
prima cosa voglio trovare
il piatto pronto da mangiare
e il bicchiere dove bere
(prima cosa voglio trovare
il piatto pronto da mangiare
e il bicchiere dove bere)

Al ritorno dalla campagna
al ritorno dalla campagna
seconda cosa voglio parlare
di tutte le cose che ho da dire
e qualcuno deve ascoltare
(seconda cosa voglio parlare
di tutte le cose che ho da dire
e qualcuno deve ascoltare)
Donna mia devi ascoltare!
Donna mia devi ascoltare!

Terza cosa quando ho finito
presto a letto voglio andare
subito a letto voglio andare
(subito a letto voglio andare)

E fra la seta della carne tua
mi voglio avvolgere fino a mattina
mi voglio avvolgere fino a mattina
e donna senza più nessun pudore
puledra impetuosa ti voglio sentire
io dolce e impetuosa ti voglio sentire.

Al risveglio alla mattina
quando il gallo mi apre gli occhi
alle quattro di mattina
prima cosa polenta a fette
e nell’aria voglio sentire
il profumo del caffelatte.

Al risveglio alla mattina
al risveglio alla mattina
seconda cosa acqua e sapone
fatto tutto molto presto
colazione dentro al cesto

E poi la vanga la terra e il sole
l’ombra del pino è quel che ci vuole
e il desiderio che sale al ritorno
dopo che ancora rimuore il giorno
dopo che ancora rimuore il giorno”.

—————————————————-

Lucio Battisti, La canzone della terra - 5:31
(Mogol, Lucio Battisti)
Album: Il nostro caro angelo (1973)

Per altri testi, approfondimenti e commenti, guarda la discografia completa di Lucio Battisti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

—————————————————-

Citazioni.

La canzone della terra a livello musicale rappresenta un’eccezione all’interno del disco, e preannuncia le sonorità del successivo album Anima latina. Il brano infatti è caratterizzato da un ritmo tribale e quasi ipnotico; l’accompagnamento è costituito quasi unicamente da percussioni. Il testo è una descrizione dell’immutabile ripetersi della vita di campagna in una famiglia patriarcale del passato, dove la vita è scandita dalle volontà del capofamiglia. Iniziando dalla sera con il ritorno dalla campagna, si passa alla cena, alla notte trascorsa al fianco della donna, fino al lavoro nei campi la mattina dopo. Il quadro apparentemente bucolico in realtà è assai poco pittoresco, come sottolineato dall’interpretazione vocale di Battisti, dall’accompagnamento scarno e da alcuni dettagli del testo piuttosto “crudi”: la durezza e la possessività del “padre-padrone” («seconda cosa voglio parlare di tutte le cose che ho da dire e qualcuno deve ascoltare / donna mia devi ascoltare»), la fatica della vita («al risveglio alla mattina / quando il gallo mi apre gli occhi alle quattro di mattina»), ecc”.

(Wikipedia, voce Il nostro caro angelo)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini e Francesco Komd
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

—————————————————-

  • Share/Bookmark

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 1267 access attempts in the last 7 days.

Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Ok