Fabrizio De André - Hotel Supramonte (testo)


“E se vai all’Hotel Supramonte
e guardi il cielo
tu vedrai una donna in fiamme
e un uomo solo
e una lettera vera di notte
falsa di giorno
e poi scuse, accuse e scuse
senza ritorno
e ora viaggi, vivi, ridi
o sei perduta
col tuo ordine discreto
dentro il cuore
ma dove, dov’è il tuo amore
ma dove è finito il tuo [...]

Fabrizio De André - Oceano (testo)


“Quanti cavalli hai tu seduto alla porta
tu che sfiori il cielo col tuo dito più corto
la notte non ha bisogno
la notte fa benissimo a meno del tuo concerto
ti offenderesti se qualcuno ti chiamasse un tentativo.

Fabrizio De André - La cattiva strada (testo)


“Alla parata militare
sputò negli occhi a un innocente
e quando lui chiese “Perché”
lui gli rispose “Questo è niente
e adesso è ora che io vada”
e l’innocente lo seguì
senza le armi lo seguì
sulla sua cattiva strada.

Fabrizio De André - Le passanti (testo)


“Io dedico questa canzone
ad ogni donna pensata come amore
in un attimo di libertà
a quella conosciuta appena
non c’era tempo e valeva la pena
di perderci un secolo in più.

Fabrizio De André - Via della povertà (testo)


“Il Salone di bellezza in fondo al vicolo
è affollatissimo di marinai
prova a chiedere a uno che ore sono
e ti risponderà “non l’ho saputo mai”.

Bad Behavior has blocked 6720 access attempts in the last 7 days.

Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Ok