Lou Reed - Perfect day (testo e traduzione)

“Just a perfect day
drink sangria in the park
and then later
when it gets dark, we go home

Just a perfect day
feed animals in the zoo
then later a movie, too
and then home

Oh, it’s such a perfect day
I’m glad I spend it with you
oh, such a perfect day
you just keep me hanging on
you just keep me hanging on

Just a perfect day
problems all left alone
weekenders on our own
it’s such fun

Just a perfect day
you made me forget myself
I thought I was
someone else, someone good

Oh, it’s such a perfect day
I’m glad I spent it with you
oh, such a perfect day
you just keep me hanging on
you just keep me hanging on

You’re going to reap just what you sow
you’re going to reap just what you sow
you’re going to reap just what you sow
you’re going to reap just what you sow”.

—————————————————-

Traduzione.

“Proprio una giornata perfetta
bevendo sangria nel parco
e poi, più tardi
quando fa buio, andiamo a casa

Proprio una giornata perfetta
dare da mangiare agli animali allo zoo
e poi, più tardi
un film, e poi a casa

Oh, è una giornata così perfetta
sono contento di averla passata con te
oh, è una giornata così perfetta
mi dai la forza per tirare avanti
mi dai la forza per tirare avanti

Proprio una giornata perfetta
i problemi sono lasciati soli
turisti per conto nostro
è così divertente

Proprio una giornata perfetta
mi hai fatto dimenticare me stesso
pensavo di essere qualcun altro
una brava persona

Oh, è una giornata così perfetta
sono contento di averla passata con te
oh, è una giornata così perfetta
mi dai la forza per tirare avanti
mi dai la forza per tirare avanti

Raccoglierai ciò che hai seminato
raccoglierai ciò che hai seminato”.

—————————————————-

Lou Reed, Perfect day - 3:45
(Lou Reed)
Album: Transformer (1972)
Singolo: “Walk on the Wild Side / Perfect day” (1972)

Brano inserito nella colonna sonora del film Trainspotting (1996) diretto da Danny Boyle, con Ewan McGregor e Ewen Bremner.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

E’ disponibile una nuova versione di questo brano sul sito InfinitiTesti.com.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

—————————————————-

Citazioni.

Perfect Day è un brano musicale scritto dall’artista statunitense Lou Reed e pubblicato su 45 giri il 24 novembre 1972 come lato B di Walk on the Wild Side. Terza traccia dell’album Transformer, il brano ha guadagnato nuova popolarità negli anni novanta grazie a numerose citazioni in film (tra cui Trainspotting) e spot pubblicitari, oltre a cover come quella dei Duran Duran che raggiunse il 28º posto nella classifica britannica nel 1995. Nel 1997 Lou Reed prese parte ad una nuova incisione di Perfect Day realizzata a scopo benefico dalla BBC, per la quale artisti come David Bowie, Bono, Elton John, Laurie Anderson e Tom Jones registrarono un verso della canzone a testa. Il 45 giri raggiunse il 1º posto nella UK Singles Chart, contribuendo a far entrare il brano nel pantheon delle più classiche ballate rock di sempre. Il 28 ottobre 2013, il giorno dopo la morte di Lou Reed, il Cardinale e presidente del Pontificio consiglio della cultura Gianfranco Ravasi ha postato un messaggio su Twitter con il ritornello della canzone.
Scritto da Lou Reed dopo una giornata passata a Central Park insieme alla sua fidanzata (e futura prima moglie) Bettye Kronstad, il brano è stato spesso interpretato come la descrizione di una storia d’amore, con possibili allusioni ai conflitti interiori di Lou con la propria sessualità e al suo rapporto con le droghe. Alcune fonti hanno suggerito un riferimento al suo primo amore ai tempi dell’università, Shelley Albin, che proprio in quel periodo incontrò nuovamente e per l’ultima volta. Le parole finali della canzone, «You’re going to reap just what you sow» («Raccoglierai ciò che hai seminato») sarebbero quindi l’amara riflessione sugli errori commessi e sull’impossibilità di quell’amore giovanile. Altri ancora hanno visto in queste parole una romanticizzata metafora della tossicodipendenza di Lou Reed, un’ode all’uso dell’eroina come annientamento di se stessi e della paura di vivere. Anche se questa interpretazione potrebbe essere frutto dell’uso della canzone in una delle scene del film di Danny Boyle Trainspotting, il testo aggiunge all’idealizzata descrizione di una “giornata perfetta” con la persona amata significati che alludono al sentimento agrodolce della nostalgia di cose passate e alla paura che si rivelino solo eventi partoriti dalla propria mente, forse annebbiata dall’uso delle droghe. Qualunque sia l’interpretazione, la ripetizione del verso finale sembra comunque evocare sentimenti di rimpianto piuttosto che di conforto.
La versione definitiva del brano venne incisa il 31 agosto 1972 ai Trident Studios di Londra, durante le sessioni dell’album Transformer, preceduta da un demo acustico nel quale Lou Reed alternava all’inizio delle diverse strofe «Just a perfect day…» con «Just a summer’s day…». La traccia, come il resto dell’album, venne prodotta da David Bowie e Mick Ronson, all’epoca chitarrista degli Spiders from Mars, autore anche dell’arrangiamento e dell’accompagnamento al pianoforte.
Lou Reed eseguì Perfect Day per la prima volta dal vivo il 22 dicembre 1972 durante un concerto alla Cleveland Music Hall. Negli anni successivi il brano non ha mai rappresentato un classico nelle esibizioni live ed è stato “recuperato” solo dalla seconda metà degli anni novanta. Il 28 maggio 2002 è stato eseguito in un duetto con Luciano Pavarotti a Modena, durante l’annuale evento benefico Pavarotti & Friends“.

(Wikipedia, voce Perfect Day (singolo Lou Reed))

—————————————————-

Lou Reed è incredibile: anche in un pezzo come Perfect Day, apparentemente dolce, c’è una narrazione a doppio taglio: c’è ghiaccio, c’è distanza. La musica in realtà è quasi una presa in giro della dolcezza, c’è il diavolo dentro! La dolcezza è solo un abito di quella canzone” (Francesco De Gregori).

(Luca Valtorta, Francesco De Gregori: “Ecco perché ho ‘dylaniato’ la mia ‘Buonanotte fiorellino’”, Repubblica, 6 febbraio 2017)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

—————————————————-

  • Share/Bookmark

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 2636 access attempts in the last 7 days.

Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Ok