Francesco De Gregori - Rumore di niente (testo)


“L’avevi creduto davvero
che avremmo parlato Esperanto?
L’avevi creduto davvero
o l’avevi sperato soltanto?
Ma che tempo
e che elettricità
ma che tempo che è
e che tempo che sarà
ma che tempo farà?
Non lo senti che tuona?
Non lo senti che tuona già?
Non lo senti che suona?
È lontano però sembra già più vicina
questa musica che abbiamo sentito già

Francesco De Gregori - Povero me (testo)


“Cammino come un marziano, come un malato
come un mascalzone, per le strade di Roma
vedo passare persone e cani
e pretoriani con la sirena
e mi va l’anima in pena
mi viene voglia di menare le mani
mi viene voglia di cambiarmi il cognome
cammino da sempre sopra i pezzi di vetro
e non ho mai capito [...]

Francesco De Gregori - Pilota di guerra (testo)


“Non per entrare nel merito del motore
ogni motore ha una musica e io la so
così per sempre nel vento la farò cantare
per questa mia povera terra da sud a nord
e quanto è solo un uomo lo sa solo Dio
mentre volo sopra le ferite della città
e come un grande amore gli [...]

Francesco De Gregori - Numeri da scaricare (testo)


“Guarda quel treno
che sta arrivando da lontano
guarda quel treno
che sta arrivando da lontano
è nero come il fumo
e sta arrivando piano piano

Fabrizio De André - Le storie di ieri (testo)


“Mio padre aveva un sogno comune
condiviso dalla sua generazione
la mascella al cortile parlava
troppi morti lo hanno tradito
tutta gente che aveva capito.

Bad Behavior has blocked 2370 access attempts in the last 7 days.

Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicita' e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Ok